Passa ai contenuti principali
Eh… la nostalgia degli atti "goliardici".

Capita ai preti di appendere un crocifisso a rovescio in una chiesa, no? e che sarà mai! Cosa vuoi che sia avere delle passioni e mostrarle, portarsi le foto dei figli in ufficio, appendere una bandiera.

Poi una croce celtica, non è poi così… come dire… insomma, può essere che qualcuno ha origini nord europee… e non colga il fatto… anche se magari in quel posto la costituzione dovrebbero sapere cos'è, ma sono tempi di crisi, non c'è tempo per leggere, bisogna lavorare. Era lì… sembrava un mirino… la pistola noi l'abbiamo noi…

Magari in un altro paese, in un altro tempo (forse a Narnia) si sarebbe letto un comunicato del tipo: il responsabile è Tizio e ne pagherà le giuste conseguenze per aver appeso una bandiera con un simbolo proibito dalla costituzione, e dato che Tizio lavora per i cittadini di questo paese (sempre Narnia), il suo gesto è doppiamente sbagliato.

Guarda che la goliardia fa miracoli con le bandiere, se osservi la foto è appesa in alto, bene e tesa, distante da una cornice… roba che a provarci altre mille volte non ti riesce mai più.
Se guardi il pennone delle bandiere coincide con l'altezza del solaio e che se provi a guardare in prospettiva da l'impressione che sia in alto, che per attaccarla gli sia servita una scala, ma guarda la prospettiva che scherzi goliardici fa.

La prossima volta che fermate un tentativo di rapina e il ladro vi risponde: - ma stavo scherzando! - come finisce? a taralluci e vino, stretta di mano… tanto siamo tutti amici… si fa per stare in compagnia, sù… un po' di spirito di squadr(ist)a.

Se tu scherzi con una pistola in tasca, e lo sai che io mi diverto per forza? E non siamo a Zelig vero?
Ma non ve la prendete… stavo scherzando, ergo, il mio è un atto goliardico.

Post popolari in questo blog

InDesign dinamico attraverso l'unione dati

Ringrazio l'unione dati di Indesign.

Nel caso qualcuno non sapesse di cosa sto parlando a questo link c'è un ottimo tutorial, spiega molto bene come funziona il popolamento di dati in InDesign tramite l'unione dati.

Se l'argomento vi interessa c'è un video-tutorial:

Perché ringrazio l'unione dati?
Credo di aver sfruttato al meglio le funzionalità, le possibilità, e i conseguenti vantaggi dell'utilizzo di un semplice foglio di testo (.csv) all'interno dn InDesign CS3 e devo aggiungere che e sono riuscito a fare l'equivalente con un.txt importando tutti i record.

Consiglio vivamente l'utilizzo di un semplice file .txt per la sua semplicità d'uso (sempre che sia anche semplice il lavoro da eseguire), se il lavoro di popolamento è complesso, è meglio l'utilizzo di strumenti come excel che producono fogli di calcolo con tabelle che diventeranno .csv

Io il .txt l'ho utilizzato, ad esempio, per compilare nomi su dei badge, dovevo solo inser…

Illustrazione per AQuest

AQuest
Una agenzia digitale italiana, ha lanciato un contest per celebrare il suo trasloco.
Chiedono di illustrare dove potrebbero trasferirsi e per ogni disegno che viene inviato parte una donazione a Medici senza frontiere e ABEO.

Io ho fatto questa immagine ispirandomi alla forma loro logo AQ, ci ho visto una montagna e un sole, da lì tutto si è evoluto costruendo il resto: altre montagne, la neve, un lago ghiacciato…

Se vi piace, sapete già cosa vi chiedo: mettetegli un like!

We can almost feel a fresh breeze today 🏔 @paolospotvalzania played with our logo and we really appreciate the setting! Thank you Paolo 🙌🏻 The #AQHome #contest is still open: you can find the link in bio! #aquestdigital #illustration #illustrator #artist #art #illustrazione #charity #webdesign #design Un post condiviso da AQuest (@aquestdigital) in data: 26 Lug 2017 alle ore 00:12 PDT