Passa ai contenuti principali

Concorsi di grafica online

Spero
sia la prima e ultima volta che mi lamento di una piattaforma che tratta di concorsi di grafica.

Mi capita di partecipare a concorsi su siti che fanno trovare, a clienti che la cercano, la fornitura di materiale grafico tramite gare a breve scadenza, io ho sempre partecipato per progetti molto piccoli e mirati, mi sono imposto di non occupare troppo tempo per progetti che non potrebbero andare a buon fine, piuttosto vado a rimpinguare le fila delle mie icone su iconfinder, quindi posso definirli come piccoli interventi, cose che mi devono costare al massimo qualche ora alla sera, e se vedo che in meno di una ora non riesco a chiudere l'idea o peggio capisco che mi servirebbe molto più tempo mollo tutto e lascio stare.

Ho sempre proposto cose al meglio per i tempi che mi sono prefissato, guardandomi attorno e vedendo il rapporto tempo/prezzo, si può comunque notare che in questi siti si trovano tutte le tipologie di designer: dal cugggino che per 50 euro ti fa tutto e per tutto intendo pacchetti tipo "sito-logo-ecommerce-biglietti-da-visita" fino a professionisti che rimpastano progetti non pubblicati e riescono a dargli una nuova vita, o workaholic scaricatori di compulsivi di UI Kit e mockup per presentazioni.

Ma l'ultimo episodio mi ha fatto capire che devo ridurre ancora di più l'effort nei confronti dei clienti italiani. I riferimenti saranno mascherati, per evitare riferimenti o la coincidenza con i fatti (?).

Il brief arriva da una azienda che vuole un logo e delle cover per alcuni social network, da questo si capisce che sarà un servizio principalmente online e non un vero e proprio, scusate il temine: "brand", ma fino a qui niente di strano, il servizio si chiama (di mia invenzione, si intende) "Sbuccia-Patate", il brief prosegue con dettagli sul metodo, che si basa tu una tecnica di sbucciatura che come acronimo si chiama T.R.A.P.A.N.O., in breve arrivano alcune proposte e le osservo, mi servono anche per capire che tipo di persone si stanno muovendo, valuto la concorrenza e anche il cliente con i feedback che lascia, intanto mi muovo abbozzando qualcosa partendo dai concetti di sbuccia e patate… ma il bello arriva dopo un giorno, il clientone rifiuta tutti i lavori sino a quel momento proposti perché non viene valorizzato il concetto di TRAPANO, ma come! A lui evidentemente deve stare molto a cuore, ma nel brief non era assolutamente evidenziato, il cliente dava per implicito che il trapano ci deve essere, e come è scontato che si può usare il trapano, dove mettere le patate per sbucciarle… un rapporto fondamentale che tutti conosciamo tra un trapano e le patate, non è vero?

Di cosa mi lamento? Vediamo, il progetto viene definito come un logo per sbuccia-patate, e che si usa un metodo chiamato trapano, ma non si va oltre.
Dopo un giorno ti meravigli che il tuo amato TRAPANO non c'è, e lì dai anche svariate indicazioni di come inserirlo nel concetto di sbucciatura di patate, tante grazie.

Avevo un file pronto, un marchio a due colori, in due versioni (estesa orizzontale e verticale) e di queste due anche i negativi sui due colori, giocavo con la tipografia fino all'oggetto totem, la patata. Nell'immagine di esempio per il concorso avevo anche messo, oltre al logo, un mockup di una pagina Facebook con copertina e logo. Ora il file rimarrà bellamente sul mio computer, perché tu caro clientone italiano fin troppo, per una cifra modesta pretendi che ti si legga nel pensiero, ma ora ti lascio alle tue lotte contro questo mondo che non ti capisce, a cui tu regali la tua saggezza, la tua esperienza con cui riesci a sbucciare le patate con il T.R.A.P.A.N.O. non hai bisogno di nessuno, forse perché qualche agenzia ti è sembrata fin troppo cara per una cosa che si può fare lanciando un concorso on-line, vero?!

Ecco tutto questo, stavo per meritarmi, un rifiuto da un genio che troverà queste piattaforme inutili e popolate da ragazzini col computer che non capiscono il tuo talento nel fare servizi.

Ora, le tue patate sbucciatele con il tuo di culo, il nostro culetto preferiamo gestirlo come ci pare e non a colpi di trapano.

Post popolari in questo blog

InDesign dinamico attraverso l'unione dati

Ringrazio l'unione dati di Indesign.

Nel caso qualcuno non sapesse di cosa sto parlando a questo link c'è un ottimo tutorial, spiega molto bene come funziona il popolamento di dati in InDesign tramite l'unione dati.

Se l'argomento vi interessa c'è un video-tutorial:

Perché ringrazio l'unione dati?
Credo di aver sfruttato al meglio le funzionalità, le possibilità, e i conseguenti vantaggi dell'utilizzo di un semplice foglio di testo (.csv) all'interno dn InDesign CS3 e devo aggiungere che e sono riuscito a fare l'equivalente con un.txt importando tutti i record.

Consiglio vivamente l'utilizzo di un semplice file .txt per la sua semplicità d'uso (sempre che sia anche semplice il lavoro da eseguire), se il lavoro di popolamento è complesso, è meglio l'utilizzo di strumenti come excel che producono fogli di calcolo con tabelle che diventeranno .csv

Io il .txt l'ho utilizzato, ad esempio, per compilare nomi su dei badge, dovevo solo inser…

Google Reader è morto, viva Google Reader

Schiamazzi e condoglianze per il Re che muore Ora che gli animi si sono un minimo sedati e qualcuno sembra essersi dimenticato, o per lo meno è caduto nell'oblio dell'attesa, vi scrivo la mia idea alla chiusura del servizio di Reader da parte di Google; ora, ad acque calme posso esternare, oltre al mio rammarico, i motivi per cui questo annuncio mi ha dato non poco fastidio.

Scartate subito l'idea di leggere anatemi da infuencer: è fatto da google – è gratis – è l'unico – etcetera, etcetera, etcetera …
Ne sono qui a proporvi o a recensire alternative per leggere feed RSS; comunque la mia idea è alla fine di questo post.

Cosa verrà a mancare ulteriormente I servizi che mi interessano e ci verranno tolti sono in particolare 2 e strutturati all'interno di Google Reader, sono a supporto di altri strumenti di Google, e per quanto se ne dica a suon di post e condivisioni sul mancato servizio, non sono ancora incappato in nessuno che dicesse anche queste semplici cose:
ad…